Choose your language

AZIENDA CERTIFICATA DA

Ultimi eventi e news

Archivio
12 Luglio 2018
La Cantina Evaristiano trionfa in Germania al concorso internazionale...
SAN VERO MILIS 9 LUGLIO 2018 - Siamo lieti di comunicare a tutti i nostri...
26 Marzo 2018
Le Strade del Vino intervista Evaristiano
L'importante portale Le Strade Del Vino , punto di riferimento dell'enologia...
27 Gennaio 2016
"LE TAVOLE" evento di presentazione del nuovo Vino Evaristiano
Il 29 Gennaio nella splendida cornice di Villa Muscas a Cagliari la società...

Come contattarci

Società Agricola EVARISTIANO
Società Agricola Semplice

Sede Operativa:
Stabilimento Enologico di Is Araus
Loc. Is Araus SP 10 Km 10,500
Marina di Putzu Idu
San Vero Milis -OR-

Tel. 0783/52007
Fax 0783/52004

E-Mail: vinievaristiano@gmail.com

Trovaci con l'aiuto di Google Map!

La nostra storia

L’attività viticola, avviata già dal 1939 dallo stesso Fondatore della Compagnia Padre Evaristo Madeddu, rappresenta, oltre il prosieguo della tradizione, anche una fonte di autosostentamento con un impegno continuo ai fini educativi e formativi, sia per gli Ospiti della Comunità, sia per gli abitanti delle zone in cui sono impiantati i vigneti.
Tutti i vigneti impiantati dalla Compagnia nella zona del Sinis vengono seguiti e lavorati per ottenere prodotti BIOLOGICI certificati.
Il programma di completamento degli impianti dei nuovi vigneti, avviato nel SINIS dai primi degli anni Ottanta, sta per concludersi con la messa a dimora dell’ultima parte autorizzata dalla stessa Regione Sardegna grazie al diritto di reimpianto concesso per sei ettari di uva Vermentino e Cannonau DOC.

Per la lavorazione dei vigneti la Compagnia si avvale della professionalità di alcuni Confratelli della stessa Comunità, nonché del contributo di numerosi volontari e Confratelli Onorari che con entusiasmo rispondono alle esigenze dell’Opera non solo per il settore specifico. Infatti l’aiuto dei volontari e dei Confratelli Onorari (medici, ingegneri, meccanici, coltivatori, artigiani, ecc.) è continuo e presente anche durante lo svolgimento delle altre attività sociali ed educative della Comunità.
La superficie complessiva dell’intera azienda, attualmente in fase di completamento e di miglioramento, è pari a venti ettari di cui 12 sono a vigneto.
Il sistema di allevamento delle viti è a Guyot (un capo a frutto e due speroni).
L’impianto ha una densità di 3.700 ceppi e un carico di gemme a ettaro di 35/40.000.

Padre Evaristo Madeddu

Evaristo Madeddu nacque in Villaputzu (Cagliari Italia) il 25 novembre del 1890 dal fabbro Vincenzo e da Angelina Corona, donna pia che gli trasmise l’amore di Dio e il seme di una prepotente vocazione religiosa.
Dopo la fanciullezza, dedita al lavoro nell’officina paterna, alle pratiche religiose e all’assistenza della madre paralitica, contribuì al sostentamento della famiglia svolgendo diversi mestieri. Fabbro, figulinaio, contadino, scaricatore di carbone.
Spinto dalla vocazione religiosa lasciò infine la famiglia e il paese trasferendosi a Cagliari dove invano bussò alle porte del Seminario della città e a quelle di alcuni ordini religiosi.

La via tracciata dal Signore era diversa, l’incontro con Beniamina Piredda, donna sofferente nel corpo ma sorretta da salda fede cristiana, favorì l’avvio dell’OPERA EVARISTIANA che il giovane Evaristo volle chiamare COMPAGNIA DEL SACRO CUORE, sorse come comunità religiosa laica ai fini di culto e di assistenza ai bisognosi.
La nuova Comunità fu realizzata dopo intense preghiere e matura riflessione con il consenso dell’Autorità religiosa locale e fu dedicata alla Vergine del Buon Consiglio e a Sant’Evaristo Papa e Martire. Essa era costituita da un ordine maschile e da uno femminile.
La confondatrice Beniamina Piredda assunse la direzione dell’Ordine femminile e Evaristo Madeddu divenne il direttore dell’Ordine maschile.
Padre Evaristo Madeddu morì a Cagliari il 6 Aprile 1966.

Padre Evaristo era un vero affascinatore di anime. La sua modestia, il suo entusiasmo, il suo parlare e soprattutto la sua fede suscitavano entusiasmo in chi lo avvicinava e molti, anche avendolo visto per la prima volta, lo seguivano abbracciandone lo scopo e condividendone i sacrifici.
Nel giugno del 1925 sorse a Mandas la prima casa Evaristiana. Pochi anni dopo (1930) seguirono le sedi di Cagliari, Guamaggiore e Donigala Siurgus

Nonostante questo sfolgorante avvio, le prove e le avversità sembrava dovessero paralizzare il cammino dell’Opera nascente, ma il Signore aprì loro un nuovo orizzonte a Donigala Fenughedu (OR) dove nel giro di pochi anni la Comunità Evaristiana ebbe la sua Casa Madre, benedetta dall’allora Vescovo di Oristano Mons. Del Rio.
Nel gennaio del 1936 la Sacra Congregazione dei Riti concedeva nella Chiesa della Casa Evaristiana la permanenza del Santissimo Sacramento.
La Compagnia, parallelamente alle pratiche religiose, attuava lo scopo per cui era stata fondata: assistenza ai bambini abbandonati e orfani, ai diseredati, attività catechistica ed educativa anche presso le parrocchie e la formazione dei giovani.
Un’altra sede venne intanto costruita dai Confratelli nell’agro di San Gavino Monreale (CA). Contemporaneamente la Congregazione femminile svolgeva apostolato a Baratili San Pietro prima, a Bauladu e Serramanna poi. In quest’ultima località nel 1938 Padre Evaristo Madeddu iniziò un’opera colossale (e seminata di difficoltà fra le perplessità di tutti) prosciugando e bonificando una vasta area paludosa di circa 70 ettari rendendola presto coltivabile e di straordinaria fertilità.
L’attività dell’Opera si conformò al credo benedettino "Ora et Labora" per il quale Padre Evaristo ha sempre insegnato che l’Amore per il lavoro è la linfa fraterna della vita di ogni cristiano.

Successivamente l’Opera si espanse con la nascita di nuove sedi: attualmente la Compagnia opera nei Comuni di Donigala Fenughedu, Putzu Idu e Bauladu nella Provincia di Oristano, a Serramanna e Villasimius nella Provincia di Cagliari.
La grande Fede del Fondatore e il fascino della Sua Opera attirarono, già sulla nascita dell’Opera, un folto gruppo di laici, appartenenti a diversi ceti sociali (contadini, impiegati, operai, professionisti), chiamati da Padre Evaristo " Confratelli Onorari " i quali attingendo alla Fede e alla spiritualità dell’Opera, ne affiancavano l’opera offrendo volontariamente il loro lavoro. Ancora oggi nuovi laici si avvicinano all’opera attratti dal carisma del Fondatore che traspare nella vita quotidiana della Comunità.